La Dama sul Divano


Che Erdogan sia un maschilista e cosa pensi del ruolo delle donne nella società ben lo sappiamo. È chiaro altresì che il vecchio volpone abbia teso una bella trappola al Presidente del Consiglio d'Europa Charles Michel e alla Presidentessa della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, relegata su un divano ad assistere al colloquio fra i due uomini. I due esponenti della comunità ci son cascati come pere cotte, rinunciando, di fatto, a difendere i valori dell'Europa dalla mentalità discriminatrice e misogina di un lupo che vuole apparire così come è, senza avere il bisogno di indossare i panni dell'agnello. Michel e la Von der Leyen hanno assunto un atteggiamento dimesso  per ragioni puramente economiche e di opportunismo politico. Spiace pensare che, in quel frangente, non siano passate per la loro mente le immagini delle tante lotte condotte per l'emancipazione femminile. Si dice che Michel avrebbe dovuto cedere la sedia alla Von der Leyen ma lei, per sottolineare lo sgarbo, avrebbe dovuto alzarsi e con sdegno chiedere di esser riaccompagnata all'aeroporto, facendo saltare la trattativa. Ma si sa, in Europa "pecunia non olet" e così principi, valori e conquiste sociali vengono messi in secondo piano e si preferisce concludere affari coi dittatori. Prima con l'Egitto degli aguzzini di Giulio Regeni, poi col regime libico e ora con il restauratore dell'impero ottomano. Alla fine del gioco, Erdogan appariva visibilmente soddisfatto e l'Europa  è uscita dal summit umiliata dal comportamento acquiscente dei suoi rappresentanti senza memoria, coraggio e dignità.

Nella foto introduttiva:la Maja Vestida di Francisco Goya.

Commenti

  1. L'Europa è perdente e la Brexit è un colpo fatale.
    Erdogan è un teppista abbastanza scostumato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Europa deve essere ferma nei confronti di certi mascalzoni. Se non difende le conquiste della civiltà sarà sicuramente perdente. Sui valori fondamentali non si può transigere.

      Elimina
  2. Pienamente d'accordo con te. È venuto fuori il peggio dell'Unione europea. La turchia, invece, sa far molto peggio di così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero. Si tratta di un oppressore. Il popolo Kurdo ne sa qualcosa. Può essere pericoloso anche perché ha mire espansionistiche , non guarda in faccia a nessuno ed esercita una dura repressione nei confronti degli oppositori. Altro che fare affari con lui! I dittatori vanno isolati e i popoli oppressi vanno aiutati a liberarsi.

      Elimina
  3. I comportamenti con Egitto, Libia e Turchia sono eclatanti di quale sia lo stile e la strategia europea. La strategia mondiale. La strategia umana: ipocrita ed egoista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto questo deve fare pensare al fatto che va ripristinata un gerarchia di valori in cui diritti della persona siano preponderanti su ogni altra cosa. Proprio come previsto nella Costituzione italiana, ormai spesse volte disattesa.

      Elimina
  4. Caro Fabio, l'Europa è perdente e lo sarà sempre perché è divisa, scriveva il giovane Mameli:perché non siam popolo, siamo divisi.
    Siamo proni e ubbidienti ai voleri degli USA e per vari interessi di bottega, paghiamo milioni di Euro al satrapo turco Erdogan perché faccia il lavoro sporco, per noi civilissimi Europei, di rimandare ai loro Paesi di origine, dopo averli derubati, torturati e violentati, i disgraziati che cercano una nuova vita in
    Europa, per non parlare della Libia che corteggiamo per l'oro nero o della dittatura Ezizia che ha torturato e ucciso un nostro concittadino senza una nostra autorevole protesta.
    Cari saluti, fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sino a che si accetterà di tutto per il soldo ideali e principi saranno calpestati e si farà il gioco dei tiranni. L'Europa continua ad andare su strade impervie e poco sicure. Occorre più dignità.

      Elimina
  5. Si tratta di un tiranno e occorrerebbe urlarlo da tutte le parti di Europa, ma si sa com'è...spero solo che Draghi non ritiri quello che ha detto. Non sono d'accordo sul fatto che si sia dimostrato una gran volpe, anzi per me ha soltanto fatto una gran brutta figura davanti ai paesi più civilizzati al mondo, figura condivisa con il presidente del consiglio europeo. Fossi stata la Von der Leyen sarei rimasta tutto il tempo in piedi, in silenziosa ma assai fastidiosa presenza. Ciao Fabio. Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che Erdogan abbia voluto creare una condizione di inferiorità per i suoi interlocutori e la totale mancanza di reazioni lo ha favorito. Dalle foto sembra quasi che se la rida sotto i baffi. Anche la reazione che avresti assunto sarebbe stata buona. La Von der Leyen, in quanto donna, era la parte maggiormente lesa e doveva farlo pesare con chiarezza. Per dirla tutta, anche dicendo che quella messa in scena, quel comportamento poteva esser frutto solo della mente di un buzzurro... per non dire di peggio.

      Elimina
  6. Io ho fiducia in chi verrà posto dopo lui... certe cose non possono evitare riflessioni e conseguenze a tali riflessioni.
    Altro si è già detto quindi mi fermo qui. Ciao Fabio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero davvero che chi gli di oppone, prima o poi, ponga i presupposti per un paese migliore. Ci vorrà molto tempo, anche perché gli interlocutori non lo affrontano con fermezza facendo valere i loro principi.

      Elimina
  7. A me stupisce come si sia fatto un affare di Stato su questo comportamento assolutamente cafone e maschilista di Erdogan (su questo non vi è alcun dubbio) nonché di come ci sia voluto questo gesto per dargli del dittatore quando invece non sono servite tutte le informazioni e le notizie che giungevano dalla Turchia in questi anni relative alla violazione costante dei diritti umani, o quelle relative al massacro orrendo e devastante di donne e uomini curde.

    PS: oggi da me una poesia che mi hai ispirato tu con il tuo post precedente a questo, post che mi aveva già ispirato il commento che ricorderai bene. Grazie Fabio per essere stato fonte di riflessione ed ispirazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido la tua considerazione. Le nefandezze del regime di Erdogan son ben note, eppure solo a seguito di questa vicenda se ne parla. Io credo che quel che fa più scalpore , riguardo a questo episodio, sia l'acquiescenza dei due plenipotenziari europei che, probabilmente, proprio per il fatto di partecipare a questo summit, dimostrano di aver lasciato passare in cavalleria tante altre cose. P.S. : grazie a te per la tua assidua partecipazione al mio blog, grazie di cuore e... Adesso vengo a vedere la tua bella poesia.

      Elimina
  8. Concordo con le conversazioni che mi hanno preceduta;
    con l'offesa all'alta carica della UE, ormai è manifesto anche per i più distratti, l'odio nei confronti delle donne: contro le donne armene nel genocidio mai riconosciuto e contro le eroiche combattenti curde del YPJ.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tiranno in piena regola , privo di umanità. Mi chiedo sempre cosa aspettino le organizzazioni internazionali a isolarlo e sanzionarlo... Ammesso che ONU e compagnia bella contino ancora qualcosa.

      Elimina
  9. Ciao Fabio, per me l'Europa continua a dimostrarsi debole.
    Condivido i commenti degli altri autori.
    Buona serata
    Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debole perché troppo legata ad interessi economici e poco propensa a fare valere i diritti bella persona e la solidarietà sociale. Buona serata a te.

      Elimina

Posta un commento

I vostri commenti sono graditissimi, tuttavia sono moderati e verranno pubblicati solo dopo l'approvazione dell'autore del blog. I commenti classificati come spam o di carattere pubblicitario non verranno pubblicati