Quando l'entusiasmo ci abbandona.

 


Tutti noi abbiamo sogni, ambizioni, aspirazioni. Poco importa averli se non si fa niente per realizzarli. Così ci adoperiamo col nostro ingegno affinché quel che desideriamo possa divenire realtà. Valutiamo le situazioni, i pro e i contro delle nostre azioni. Le esperienze pregresse. Elaboriamo progetti, metodi e strategie. Spendiamo impegno ed energie e siamo entusiasti proprio nel senso che nell'antichità greca si dava a questo termine. Perché è proprio vero che il cuore e la mente son tutte prese ad orbitare intorno a quel nostro progetto. Grande è la gioia quando le nostre aspirazioni si realizzano.  Ma accade, tante volte, che non riusciamo a raggiungere il nostro obbiettivo. Per il fatto che non ci siamo impegnati a sufficienza, perché le condizioni generali erano avverse. Perché, forse, noi stessi non ci abbiamo creduto abbastanza, abbiamo sopravvalutato le nostre possibilità o impegnato disordinatamente le nostre forze. In quel momento subentrano disinganno e delusione e l' entusiasmo che ci aveva accompagnato si spegne inesorabilmente. Credo sia una sensazione che tutti abbiamo provato e spesso, quando la nostra intelligenza non trova le risorse per reagire ci arrendiamo. Tendiamo ad adeguarci e a subire il destino. A non cercare più quelle strade che ci consentirebbero di realizzare le nostre aspirazioni. Ma è proprio in quei momenti che non bisogna lasciarsi andare e occorre appigliarsi con tutte le nostre forze alle energie residue. Non rinunziare ai nostri ideali e ai nostri progetti. Non dobbiamo accontentarci di quella vuota tranquillità pagata col duro prezzo dell'omologazione e della rinuncia. Convinti sempre che questo mondo ha bisogno di rivoluzionari creativi e non di schiavi.

Nell'immagine introduttiva: Vincent Van Gogh, Autoritratto con orecchio bendato - Courtauld Institute Galleries - Londra.

Commenti

  1. Mi è accaduto. Più e più volte. Ho allentato per un po', riflettuto e poi ripreso ancor meglio di prima ma migliorandomi sempre. Seppur non è più un sogno realizzabile, apparentemente, non smetterò comunque di crederci, almeno in cuor mio. Grazie di questa riflessione, ciao Fabio Voltaire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa che non siamo mai riusciti a realizzare ma che fortemente vorremmo esiste sempre. Mai arrendersi, la vita è imprevedibile e chissà... Un salutone a te.

      Elimina
  2. Mai doma, mai vinta. Sono una sognatrice mai spenta. E pure adesso che siamo sempre più distanti, egoisti e piccoli come mai prima, ritengo il sogno l'unica motrice in grado di proiettarci fuori dal guado e di farci ripartire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente, come dice Ligabue in una sua canzone :"sono sempre i sogni a dare forma al mondo." Dunque mai rinunciare , sempre meglio impegnarsi per fare in modo che si realizzino.

      Elimina
  3. Progetti ed aspirazioni. Da novello pensionato ne ho cassetti stracolmi. prima accusavo la tirannia del poco tempo. Ora non ho più alibi. Dovrò realizzarli i miei sogni. O perlomeno lavorarci alacremente sopra. L'entusiasmo non manca, le idee neanche, ed ora ho anche spazio e tempo. A noi due. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora devi davvero darti da fare. Beato te! Ti auguro di fare viaggi ed esperienze meravigliose e di avere tanta serenità e salute. In bocca al lupo e un grande abbraccio.

      Elimina
  4. Creare necessita di impegno e sacrificio, mentre copiare è facilissimo. Il Potere sfrutta la nostra accidia per diventare sempre più il nostro padrone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. L'essere creativi, operosi, originali nel nostro modo di vivere può davvero liberarci da ogni abuso perpetrato dal potere. Tutto questo unito alla tolleranza e al rispetto nei confronti del prossimo.

      Elimina
  5. Succede, vero.
    E penso ci stia: certo bisogna interrogarsi, come dici. Potrebbe pure essere colpa nostra.
    Ma se non lo è del tutto, e se tutto ci è stato avverso (per sfortuna o stronzaggine altrui) allora l'entusiasmo è meglio metterlo su altro.

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Certo, bisogna anche trovare la forza di cambiare strada. A volte può essere utile, mentre ostinarsi su un qualcosa per cui non siamo portati può essere anche distruttivo.

    RispondiElimina
  7. Certe volte ci lasciamo abbattere dagli eventi dimenticando ciò che di buono è stato fatto; anche il tuo blog è un ambito molto positivo 👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un po' come diceva Troisi... Sempre meglio dire "ricomincio da tre"

      Elimina
  8. Non per vantarmi, ma ho sempre un nuovo progetto da fallire
    😀

    RispondiElimina
  9. Mi propongo come socio... Anch'io sono un professionista in questo campo 😄😄😄

    RispondiElimina
  10. Io continuo a lottare ma non è semplice quando ti sembra di essere in una bolla fatta di nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte si ha proprio la sensazione di essere nel bel mezzo del "Truman show". Ci vuole molto coraggio ed esser pronti a pagare il prezzo che comporta la volontà d'esser fuori dal copione che si cerca di imporci.

      Elimina
  11. Mi è accaduto moltevolte che l'entusiasmo iniziale mi abbandonasse. Sul lavoro, ero un'insegnante, ce l'ho sempre messa tutta, ho sempre cercato di utilizzare strategia che ben si prestassero alle varie situazioni, lavori che fossero stimolanti e dessero dei buoni frutti. A volte i risultati c'erano, altre volte i risultati erano deludenti. Però non mi arrendevo e ho sempre cercato di fare del mio meglio per ottenere buoni risultati. Nella mia vita, non ho mai avuto grandi sogni, o meglio, li avevo ma , spesso, si sono frantumati e ,allora, più che sognare, ho cercato di prendere quello che la vita mi dava, le occasioni, gli incontri e così faccio anche ora. Credo che , per me, il tempo dei sogni sia finito da un pezzo. Poi questi sogni non si realizzano e arrivano le delusioni. Preferisco non farmi illusioni e andare avanti come meglio posso. Cari saluti e buona settimana.

    RispondiElimina
  12. Credo sia un buon consiglio: "Possim contenute vivere parvo". Non vorrei dire uno strafalcione, ma questa era buona regola degli antichi e, a volte, può davvero aiutarci a star meglio. Un caro saluto a te.

    RispondiElimina
  13. Pensa, questo è il mio oroscopo:
    Secondo l’oratore motivazionale Les Brown, per molte persone il problema non è “puntare troppo in alto e sbagliare mira”, ma “puntare troppo in basso e fare centro”. Te lo dico giusto in tempo per una fase del tuo ciclo astrale a lungo termine in cui dovrai “mirare più in alto”. Solo espandendo i tuoi obiettivi personali attirerai infatti la buona sorte. Mi raccomando, non prendere in prestito standard di successo altrui. Scopri il codice unico della tua anima ed esprimilo in modo pieno, libero e profondo.

    RispondiElimina
  14. Nella vita è sempre bene esser sé stessi, poi può andar bene o male, ma quando siamo noi stessi siamo certi di aver fatto il meglio... comunque vada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacerebbe tanto essere me stesso, se solo sapessi che cosa sono.

      Elimina
    2. Che poi è il dubbio che, più o meno, ci poniamo tutti... Ah, saperlo!

      Elimina
  15. Ciao Fabio, preso da sconforto anche io avrei voluto tagliarmi un arecchio o meglio un dito per poter piangere per un vero motivo, ma poi sono cresciuto e ho indossato a copertura del cervello un mantello di plastica nero e liscio dove nulla filtra e tutto scivola via, purtroppo, a volte, anche le cose belle.
    Un caro saluto, fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se ci riuscirei. Gioie e dolori mi prendono sempre in pieno . Cari saluti a te.

      Elimina
  16. Posso capire che certe parole o azioni  che si leggono ogni giorno sui quotidiani   destino delusioni,  cattivi pensieri a volte anche odio, del resto nessuno da solo può mutare le situazioni, bisogna essere in tanti, ma anche in tanti si sarà sempre gli uni contro gli altri. Quindi non mi resta che affidarmi alla speranza.
    Finalmente, ti ho ritrovato.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita richiede coraggio e volontà, ma non sempre ripaga. Bisogna sempre essere pronti a ripartire e mai arrendersi. Un salutone a te.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ricomincio da Blogger

Sarà sempre la stessa storia.